Obiettivi formativi

L’insegnamento si propone di delineare i principali snodi della storia del costume teatrale e della scenografia, a partire dagli esempi del teatro greco antico sino agli albori della contemporaneità. Il corso favorirà una prospettiva interdisciplinare, con un’attenzione specifica allo stretto rapporto che ha legato nei secoli lo spazio scenico ed il costume teatrale: la storia del costume teatrale non può essere infatti compresa senza fare riferimento ai generi, alle forme ed agli oggetti utilizzati per esibirsi nello spettacolo e nella società.

Risultati di apprendimento attesi

Al termine del corso lo studente dovrà:

Conoscenza e capacità di comprensione:

Conoscere le principali forme e teorie dello spazio scenico nel corso dei secoli; saper leggere proprietà e caratteristiche di un costume teatrale e saperlo contestualizzare nell’ambito della produzione. Comprendere la terminologia specifica della storia del costume teatrale e della scenografia.

Competenze richieste al fine di applicare conoscenza e comprensione:

Dimostrare di saper riconoscere e descrivere le diverse tipologie di costumi teatrali e di spazio scenico, adottando la corretta terminologia; saper operare opportuni confronti al fine di cogliere le profonde connessioni tra gli esempi del passato e le espressioni della contemporaneità.

Capacità richieste al fine di raccogliere e interpretare i dati ritenuti utili a determinare giudizi autonomi:

Capacità di attribuire le diverse tipologie di costume teatrale e di spazio scenico al contesto storico di produzione, dimostrando di saper utilizzare la terminologia specifica della storia del costume teatrale e della scenografia.

Capacità richieste per comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni:

Saper esporre gli argomenti trattati dimostrando un approccio critico rispetto alle tematiche affrontate ed una matura capacità di rielaborazione delle stesse.

Capacità di apprendimento richieste per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia:

Saper approfondire le conoscenze acquisite e saper riproporre l’approccio critico maturato nell’ideazione e nella progettazione di nuove soluzioni creative.

Obiettivi formativi nel contesto dei risultati di apprendimento previsti dal CdS

Lo studente dovrà mostrare la padronanza delle conoscenze di base relative all’analisi dell’evoluzione della storia del costume teatrale e della scenografia, dimostrando di saper riconoscere, spiegare e collocare le varie espressioni nella loro epoca di produzione.

PROGRAMMA DEL CORSO

Il corso si prefigge di ripercorrere l’evoluzione del costume teatrale e dello spazio scenico, a partire dall’antichità classica (greco-romana), passando per l’analisi dei principali contesti d’età moderna, sino agli albori della contemporaneità, con l’obiettivo ultimo di dimostrare lo stretto rapporto che lega le forme dello spazio scenico ai costumi utilizzati nelle esibizioni nelle diverse epoche storiche.

Testi consigliati

Non obbligatori ai fini del superamento dell’esame, ma consigliati come supporto per la lettura e l’analisi dei temi analizzati nel corso:

P. Bignami, Storia del costume teatrale. Oggetti per esibirsi nello spettacolo e in società, Roma, Carocci, 2005.

F. Perrelli, Storia della scenografia. Dall’antichità al XXI secolo, Roma, Carocci, ed. 2013-2020.

MODALITÀ DI ESAME, PREREQUISITI, ESAMI PROPEDEUTICI

Obiettivi della prova e modalità di accertamento dei risultati di apprendimento acquisiti dallo studente

La valutazione finale terrà conto dell’esito del colloquio e/o della prova scritta.

Al colloquio il livello di valutazione minimo (18/30) è attribuito quando lo studente dimostra una conoscenza limitata dei vari argomenti affrontati.

Il livello di valutazione massimo (30/30) è attribuito quando lo studente dimostra una conoscenza completa e approfondita della storia del costume teatrale e della scenografia.

In caso di prova scritta, questa consisterà in un test a risposta chiusa composto da 31 domande e si intenderà superata con almeno 18 risposte esatte (18/31). La valutazione massima sarà ottenuta con la risposta esatta a tutti i quesiti (31/31).

La lode viene attribuita quando il candidato dimostra una assoluta padronanza dei contenuti teorici, la capacità di correlare i diversi argomenti trattati in maniera trasversale ed è in grado di riconoscere gli spazi scenici ed i costumi teatrali e contestualizzarli nei vari contesti di produzione con notevole proprietà di linguaggio. Viene altresì valutata l’autonomia di giudizio dimostrata.

Propedeuticità

Non sono previste propedeuticità.

Prerequisiti

Non sono previsti prerequisiti dello studio di altre materie

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Attività didattiche previste

Le attività di didattica, suddivise tra didattica erogativa (DE) e didattica interattiva (DI) coprono un minimo di 6 ore per CFU ripartite tra DE e DI. In particolare, per ogni CFU saranno offerte almeno 5 ore di DE e 1 ora di DI.

Attività didattica erogativa (30 ore):

30 lezioni frontali videoregistrate e sempre disponibili in piattaforma

Attività didattica interattiva (7 ore):

7 test in itinere di autovalutazione al termine di ogni sezione, a risposta multipla, con feedback sincrono, per un totale di 7h di didattica interattiva programmata. Eventuali altri strumenti interattivi (forum, chat, web conferences, repository, e-tivities, ecc.) potranno essere adoperati in relazione a specifici interventi didattici.

Ricevimento studenti

Il docente è sempre reperibile via mail o tramite il forum “Comunica col docente” presente in piattaforma didattica. Nella pagina dell’insegnamento sono disponibili orari di ricevimento e contatto per comunicazioni in videoconferenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.