Codice insegnamentoSECS P10
Denominazione insegnamentoORGANIZZAZIONE AZIENDALE
Sede 
DocenteMassimiliano Longo
Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto all’insegnamento PROFESSORE STRAORDINARIO  
Anno di corso SECONDO ANNO
Tipologia di attività formativaCaratterizzante 
Area di apprendimentoArea Economico Aziendale
N. Crediti6
SSD 
Anno Accademico2017/2018
Periodo didatticoPRIMO SEMESTRE
Metodologia di insegnamentoON-LINE
Modalità di verifiche di profitto in itinereTest di autovalutazione
Modalità di valutazione*; Obiettivi della ProvaColloquio orale e/o scritto  VERIFICARE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI TEMATICHE RELATIVE AGLI ASSETTI ORGANIZZATIVI DELLE AZIENDE E DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI
Eventuali criticità riscontrate (da compilare solo al secondo anno di insegnamento) 
Numero totale  e descrizione delle unità didattiche ** Nr. Totale: 30COME DA PIATTAFORMA TELEMATICA
Organizzazione della didattica (lezioni, laboratorio etc)DIDATTICA EROGATIVAN. 30 VIDEOLEZIONI DIDATTICA INTERATTIVA FORUM DI DISCUSSIONE PERIODICI CHAT PERIODICHE 
Giorni e orario di ricevimento settimanale A RICHIESTA DEGLI STUDENTI SU APPUNTAMENTO
Numero totale  e descrizione degli incontri in streaming  *** 
Conoscenze e capacità di comprensione richieste (descrittore di Dublino n. 1)Sono richieste conoscenze di base sui meccanismi di funzionamento delle aziende e delle PA, al fine di approfondire i diversi possibili profili organizzativi che le caratterizzano  
Competenze richieste al fine di applicare conoscenza e comprensione (descrittore di Dublino n. 2)Lo studente deve sapersi orientare nell’evoluzione del pensiero economico ed economico – aziendale, così da essere in grado di approfondire lo specifico percorso legato al susseguirsi temporale delle diverse teorie organizzative 
Capacità richieste al fine di raccogliere e interpretare i dati ritenuti utili a determinare giudizi autonomi (descrittore di Dublino n. 3)Lo studente deve saper applicare in maniera specifica le conoscenze acquisite a casi concreti, al fine della corretta comprensione ed analisi delle caratteristiche organizzative e delle possibili azioni di miglioramento da attivarsi nei diversi contesti: piccole e medie imprese, grandi imprese, Pubbliche amministrazioni, operatori del non profit.  
Capacità richieste per comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni (descrittore di Dublino n. 4)Lo studente deve essere in grado di riproporre, oralmente e per iscritto, le principali informazioni e nozioni acquisite, in relazione alla prospettazione di specifici casi di studio e di conseguenti simulazioni di casi reali, anche in relazione alla scelta tra divere opzioni alternative, quali le scelte in materia di “make or buy” o in materia di scelta delle modalità di alleanza tra imprese      ( Joint venture, reti di imprese, alleanze temporanee o strutturali) 
Capacità di apprendimento richieste per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia (descrittore di Dublino n. 5)Gli studenti devono sviluppare capacità di apprendimento finalizzate allo sviluppo del  percorso di studi in modo autonomo e consapevole, sia sul piano del metodo che dei contenuti. Devono inoltre mettere  a frutto quanto appreso per legarlo coerentemente ad altre materie affini quali Psicologia delle Organizzazioni ed Economia e gestione delle imprese.  
Per insegnamenti nei corsi di lauree magistrali:
Conoscenze e capacità di comprensione richieste che consentono di elaborare e/o applicare idee originali spesso in un contesto di ricerca (descrittore di Dublino n. 1) 
Competenze richieste al fine di applicare conoscenza, comprensione e abilità nel risolvere problemi (descrittore di Dublino n. 2) 
Capacità richieste al fine di integrare le conoscenze e gestire la complessità, di formulare giudizi sulla base di informazioni limitate o incomplete (descrittore di Dublino n. 3) 
Capacità richieste per comunicare chiaramente e senza ambiguità conclusioni nonché conoscenze e la ratio ad esse sottesa (descrittore di Dublino n. 4) 
Capacità di apprendimento che consentano di continuare a studiare in modo autonomo (descrittore di Dublino n. 5) 
Risultati di apprendimento previsti ****Gli studenti dovranno essere in grado di comprendere i principali assetti organizzativi che caratterizzano le imprese private e le Pubbliche amministrazioni e le possibili opzioni ed azioni che possano ad obiettivi di miglioramento
Obiettivi formativi per il raggiungimento dei risultati di apprendimenti previsti nella scheda SUAIl corso si propone di fornire agli studenti la comprensione e la conoscenza dei principali modelli organizzativi adottati nelle imprese e nelle PA, anche attraverso l’analisi della loro evoluzione temporale; si propone inoltre di fornire la conoscenza delle principali azioni innovative sul piano organizzativo, legate ai temi degli strumenti di valorizzazione delle risorse umani, dei profili caratterizzanti le “learning organization” e degli aspetti di gestione organizzativa dei temi del cambiamento nei rapporti nelle e tra le organizzazioni 
Eventuali propedeuticitàCome da regolamento del corso di studi.
Programma del corsoIl corso ha ad oggetto l’analisi delle diverse teorie organizzative, calandole nello specifico contesto delle imprese e delle Pubbliche amministrazioni italiane. Sono inoltre illustrati temi specifici legati ai modelli di “lean organization”o di “learning organization”, i modelli di alleanza sotto forma di “reti di imprese”, il ruolo della burocrazia nel favorire o rallentare le relazioni tra PA, imprese e cittadini.
BibliografiaSortino A.  “Manuale di Organizzazione Aziendale”. V edizione. LETTURE CONSIGLIATE:“Change Management” a cura di Fabrizio Maimone. Franco Angeli 2018 
Modalità di raccordo con gli altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.