INFORMAZIONI GENERALI

Obiettivi Formativi

Il corso mira a presentare le varie tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni d’Italia attraverso l’analisi dei fattori che contribuiscono a definirle (dall’ambiente fisico agli aspetti sociali, economici, storici e culturali), al fine di porre lo studente in condizione di comprendere non solo quali prodotti, preparazioni, tecniche e usanze si possano incontrare ma anche quale ne sia la ragion d’essere, senza tralasciare la spiegazione delle forme di tutela e promozione previste appunto per particolari categorie di prodotti nonché l’illustrazione delle tecniche usate per la cottura delle preparazioni più tradizionali.

Il corso mira quindi:

Risultati di apprendimento attesi

Al termine del corso lo studente avrà acquisito le seguenti conoscenze, abilità e capacità.

Conoscenza e comprensione

Lo studente avrà acquisito la conoscenza:

Capacità di applicare

Lo studente, una volta acquisite le suddette conoscenze, sarà in grado di sfruttarle concretamente al fine di  prendere in considerazione un determinato specifico contesto, svolgere in questo ambito attività di ricerca servendosi di fonti attendibili ed autorevoli e giungere così alla comprensione degli elementi che lo caratterizzano, attraverso un metodo d’indagine che permetta di delineare una descrizione organica dell’ambito considerato. Egli quindi:

Abilità di comunicare

Lo studente acquisirà la capacità di elaborare una tecnica di analisi tale da permettergli di comprendere quali siano i punti essenziali da valorizzare allorché ci si trovi in condizione di dover descrivere in modo sintetico ed efficace la tradizione gastronomica di una certa area, così da risultare in grado di delinearne l’illustrazione basandola sui fattori essenziali che la connotano.

Capacità di apprendimento trasversale

Lo studente diverrà in grado di ricavare e coordinare dati e informazioni di natura eterogenea applicando abilità riguardanti diverse discipline (storia, letteratura, diritto, ecc.), così da risultare in grado di sviluppare in modo completo ed armonico la propria capacità di analisi.

PROGRAMMA DEL CORSO

MODULO 1 (CFU: 1) 

Presupposti e funzionamento dei sistemi previsti dalla normativa comunitaria per tutelare l’identità e il valore di prodotti aventi determinate caratteristiche

MODULO 2 (CFU: 1) 

Prodotti caratterizzati da legame (più o meno stretto) col territorio d’origine

Categoria dei “prodotti agroalimentari tradizionali”

Presidi Slow Food

MODULO 3 (CFU: 1) 

Metodo di produzione “biologico”

Usurpazione dell’identità dei prodotti

MODULO 4 (CFU: 1)

CULTURE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI NELLE REGIONI DELL’ITALIA SETTENTRIONALE

MODULO 5 (CFU: 1) 

CULTURE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI NELLE REGIONI DELL’ITALIA CENTRALE

MODULO 6 (CFU: 1) 

CULTURE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI NELLE REGIONI DELL’ITALIA MERIDIONALE

MODULO 7 (CFU: 1) 

CULTURE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI NELLE REGIONI DELL’ITALIA INSULARE

MODULO 8 (CFU: 1) 

TECNICHE DI COTTURA COMUNEMENTE PRATICATE NELLA TRADIZIONE GASTRONOMICA ITALIANA

Tecniche di cottura a conduzione con acqua

Tecniche di cottura a vapore

Tecniche di cottura a conduzione con grasso

Tecniche di cottura per irraggiamento

Tecniche di cottura miste


Testi consigliati

La preparazione dell’esame, essenzialmente basata sui contenuti delle videolezioni, delle slides e della dispensa, dovrà essere integrata dalla consultazione di uno dei testi di seguito indicati:

È inoltre consigliata la consultazione di un testo a scelta tra i seguenti, soprattutto per quanto riguarda la struttura e l’organizzazione del volume, la tipologia di ricette e gli ingredienti presentati:

MODALITA’ DI ESAME, PREREQUISITI, ESAMI PROPEDEUTICI

Modalità di accertamento dei risultati di apprendimento acquisiti dallo studente

Lo studente  può verificare il proprio livello di apprendimento durante lo svilupparsi del corso rispondendo a quiz correlati a ciascun modulo e concepiti in modo da provare la propria preparazione prima e dopo lo studio della materia di volta in volta trattata.

Un’ulteriore opportunità di controllo delle competenze acquisite consiste nella redazione (preliminare all’esame e parte integrante dello stesso) di uno studio nel quale:

La presentazione e la discussione dell’elaborato in sede di esame determina il punteggio ottenibile nella prova in ragione di 10/30 e la valutazione che il quel contesto viene condotta assieme allo studente permette allo stesso di verificare ex post la propria capacità di ricerca delle informazioni e di organizzazione dei dati raccolti.

L’esame finale rappresenta quindi il vertice del percorso formativo poiché in occasione dello stesso lo studente ha l’opportunità di esprimere:

Modalità di esame

L’esame consiste in un colloquio durante il quale lo studente è messo in condizione di manifestare la propria preparazione sugli argomenti indicati nel programma e approfonditi sia nei testi indicati in bibliografia sia nella dispensa caricata in piattaforma sia nell’elaborato presentato.

Lo studente, in particolare, è chiamato a rispondere a una serie di domande:

Viene inoltre discusso l’elaborato scritto, che deve essere caricato in piattaforma e deve pervenire ai docenti con congruo anticipo affinché gli stessi ne possano valutare il pregio.

Il voto, quantificato in trentesimi, tiene conto sia della prestazione offerta durante il colloquio (in termini di conoscenza della materia, aggiornamento, capacità critica, capacità comunicativa e capacità a concepire ragionamenti basati su un approccio interdisciplinare) sia del valore dell’elaborato prodotto e discusso in quella sede sia delle risposte fornite alle domande formulate dal docente. In particolare:

Propedeuticità

Non sono previste propedeuticità.

Prerequisiti

Non sono previsti particolari prerequisiti.

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Attività didattiche previste

Le attività di didattica, suddivise tra didattica erogativa (DE) e didattica interattiva (DI) coprono un minimo di 6 ore per CFU ripartite tra DE e DI.

Attività didattica erogativa (30 ore):

L’attività didattica erogativa si svolge tramite 42 videolezioni della durata media di 30 minuti ciascuna, sempre disponibili in piattaforma.

Attività didattica interattiva (18 ore)

L’attività didattica interattiva si svolge in duplice modalità.

1. ELABORATO:

Agli studenti viene infatti prescritto di redigere e caricare in piattaforma l’elaborato in precedenza illustrato e ad essi viene offerto riscontro non solo prima della prova (tramite e-mail o contatti telefonici) ma anche in sede di esame, laddove la valutazione del pregio dello studio prodotto e del modo con cui è presentato determina la votazione finale nella misura di 10/30.

La durata della didattica interattiva a cui gli studenti si sottopongono nel modo descritto (consistente nel ricercare il materiale, nell’organizzarlo, nell’elaborarlo al fine di ricavarne il testo da presentare e nel prepararne l’esposizione) e alla quale viene offerto riscontro risulta quantificabile in 14 ore

2. ESERCITAZIONI INTERATTIVE:
Due incontri in aula virtuale (della durata di 2 ore ciascuno) rispettivamente fissati uno prima dell’esame e uno dopo il suo svolgimento, nel corso dei quali gli studenti hanno modo di:

 

Ricevimento studenti

l docenti sono sempre disponibili ad essere contattati tramite e-mail o mediante il forum “Comunica col docente” presente in piattaforma didattica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.