Obiettivi Formativi:

Il corso si propone di fornire allo studente una panoramica complessiva e generale degli elementi fondamentali di conoscenza del diritto pubblico, inteso come disciplina di base sull’assetto dei poteri statuali e delle altre istituzioni.

Programma:

MODULO 1 (Le fonti nel diritto positivo)

Introduzione. Introduzione allo studio del diritto pubblico. Nozioni giuridiche fondamentali. Lo Stato e i suoi elementi formativi. Ordinamenti giuridici.  

Fonti del diritto. Fonti di cognizione e fonti di produzione. Fonte atto e fonte fatto. Criteri di interpretazione, criteri di risoluzione delle antinomie.

Fonti nell’ordinamento nazionale. La Costituzione e le altre leggi costituzionali.  La revisione costituzionale e i limiti. La legge come atto formale. La riserva di legge. Il decreto-legge e il decreto legislativo. Il referendum abrogativo. L’atto sostitutivo delle leggi regionali. I regolamenti parlamentari e i regolamenti governativi. I contratti collettivi. Le consuetudini, le consuetudini internazionali e le norme di adattamento ai trattati internazionali.

Fonti dell’Unione europea. L’individuazione delle fonti dell’Unione europea. I principi. I Trattati. I regolamenti. Le direttive, le decisioni, i trattati conclusi dagli organi dell’Unione. Il procedimento di formazione degli atti normativi europei. La soluzione delle antinomie tra fonti europee e fonti nazionali.

Fonti di autonomia territoriale. Le fonti regionali, gli statuti regionali e le leggi statutarie delle Regioni Speciali. Gli ambiti di competenza legislativa regionale. Le materie oggetto e le materie “scopo”. La chiamata in sussidiarietà e la competenza residuale. Riparto delle funzioni normative.

 MODULO 2 (Forme di stato e Forme di governo)

Le forme di Stato e di governo. Lo stato di diritto, lo stato sociale, la liberaldemocrazia. Forme di governo. Monarchia costituzionale, il governo parlamentare. I modelli di parlamentarismo: Westminster o premierato. La forma di governo parlamentare a tendenza assembleare. Il cancellierato. La Repubblica presidenziale. Il semipresidenzialismo.

MODULO 3 (Gli organi dell’ordinamento)

Il Parlamento e il Governo in Italia. Il Parlamento e il sistema bicamerale. il Parlamento in seduta comune;. Il principio di continuità, il principio di autonomia. L’organizzazione delle Camere. Organizzazione dei lavori. Il procedimento legislativo. I procedimenti non legislativi. Il sindacato ispettivo. Il governo: gli organi necessari. Il procedimento di formazione. Il crisi di governo. La responsabilità giuridica.

Il Presidente della Repubblica. Premessa. Elezione e durata in carica. Gli atti del Presidente e la controfirma. Lo scioglimento delle Camere. La responsabilità del Presidente della Repubblica.

La pubblica Amministrazione e gli organi dell’Unione Europea. I principi di legalità, imparzialità e buon andamento. L’amministrazione centrale. Le autorità amministrative indipendenti. Gli enti pubblici. La Commissione europea. Il Consiglio. Il Consiglio europeo. Il Parlamento Europeo. Cenni sulla forma di governo dell’Unione. L’attività amministrativa dell’Unione.

L’ordinamento giudiziario. La giurisdizione . L’organizzazione giudiziaria. Garanzie del potere giudiziario. Il riparto fra giurisdizione ordinaria e giurisdizione speciale e la rispettiva organizzazione. Gli uffici del pubblico ministero. La giustizia amministrativa. La Corte dei conti.

MODULO 4  (Le Regioni)

Le Regioni. l’organizzazione regionale. La forma di governo regionale. Gli organi Regionali. Le funzioni amministrative. I controlli sulle regioni. Il potere estero delle Regioni. L’autonomia finanziaria delle Regioni e degli altri enti locali. Comuni, Province e Città Metropolitane.

MODULO 5 (Giustizia Costituzionale)

Giustizia Costituzionale. Origine e modelli di giustizia costituzionale. La Corte Costituzionale e la sua composizione. Il parametro nei giudizi di legittimità costituzionale. L’oggetto. Vizio d  legittimità costituzionale e vizio di irragionevolezza. Le decisioni della Corte. Tipi di pronunzie. Il giudizio in via incidentale. Il giudizio in via principale. I conflitti di attribuzione tra i poteri dello stato. I conflitti di attribuzione fra Stato e Regioni e tra Regioni.

MODULO 6  (Giurisdizione dell’Unione Europea)

Giurisdizione europea. La procedura davanti alla Corte di Giustizia e alle altre giurisdizioni. Le competenze della Corte di Giustizia. Ricorso per annullamento, ricorso in carenza e rinvio pregiudiziale. Il Tribunale e i Tribunali Specializzati.

MODULO 7 (I diritti costituzionali)

Soggetti e le situazioni giuridiche. I diritti di libertà. I diritti sociali e le altre situazioni di vantaggio. L’interesse legittimo. L’interesse collettivo.

Diritti costituzionali ed europei. i diritti costituzionali e i diritti fondamentali. Le garanzie costituzionali: i diritti inviolabili. I diritti internazionali e della CEDU. Le garanzie dei diritti dell’Unione europea.

I singoli diritti costituzionali. Libertà personale, morale e di circolazione. Libertà di domicilio. Libertà di manifestazione del pensiero. Libertà religiose. La libertà di riunione e il diritto di associarsi. I diritti alla salute. Il diritto di proprietà. I diritti desumibili dall’art. 3 Cost. I diritti politici. Diritti e doveri connessi al lavoro. Diritti e doveri all’istruzione. Diritti e doveri familiari. I nuovi diritti. I doveri costituzionali. 

Testi consigliati:

Risultati di apprendimento attesi:

Modalità di accertamento dei risultati di apprendimento acquisiti dallo studente:

Tutti i contenuti trattati nell’ambito dei singoli moduli di insegnamenti costituiscono oggetto di valutazione. La valutazione delle competenze acquisite dallo studente avverrà in forma scritta o attraverso un colloquio orale.

La valutazione prevede l’identificazione del raggiungimento degli obiettivi previsti ed in particolare per ogni modulo saranno valutati:

•          Il grado di acquisizione della conoscenza degli argomenti trattati

•          La capacità di sintesi e correlazione tra i vari argomenti

Come si svolge l’esame

La valutazione finale potrà avvenire in modalità scritta e/o orale nelle date d’appello previste dall’Ateneo e pubblicate attraverso in piattaforma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.