Programma

Il corso prevede un totale 32 lezioni, di 30 minuti ciascuna, di cui due introduttive e le rimanenti suddivise in sei sezioni. In ogni settore, vengono indicati riferimenti, indirizzi, siti, libri, pubblicazioni e quant’altro possa essere di supporto allo studente per approfondire la materia del capitolo in questione. A discrezione dell’insegnante, possono essere inseriti durante i 30 minuti di una lezione brevi filmati o interviste a operatori riguardanti l’argomento trattato. Per tutte le sezioni, sono previste prove pratiche da parte degli studenti.

LEZIONE 1: Cos’è la comunicazione (breve excursus). Perché e in che forma si deve comunicare. Prospetto generale del corso.

LEZIONE 2: Approccio corretto al mondo della comunicazione. I diversi attori del comparto: comunicatori, interlocutori, pubblico… Comunicazione di massa o d’élite. Gli strumenti. I diversi media.

I SEZIONE: “La parola scritta”

LEZIONI 3 – 7: Saper riconoscere il target e il traguardo da raggiungere. Concepire un messaggio chiaro, mirato e d’effetto. Le parole in uso. Stesura di comunicati efficaci. Esempi di comunicazione corretta e di quella controproducente. L’articolo giornalistico e il pubbli-redazionale. Come avviare un proprio ufficio-stampa. Testimonianze degli addetti ai lavori (giornalisti e persone degli uffici-stampa del settore).

II SEZIONE: “Comunicazione verbale”

LEZIONE 8 – 12: Parlare in pubblico. Autotest (aspetto, gesti, intonazione della voce, etc.) attraverso supporti (prove davanti allo specchio, a persone amiche o attraverso una videocamera). Preparazione del discorso, anche a seconda della situazione (riunione di lavoro, conferenza, presentazione di prodotto o altro, trasmissione radiofonica). Il mezzo: la radio (allestimento dell’intervento in un programma). La parola all’esperto: intervista a un conduttore radiofonico.

III SEZIONE: “Audiovisivi”

LEZIONE 13 – 17: Stesura della scaletta e quindi del copione più dettagliato per diverse ipotetiche trasmisioni televisive, a seconda delle emittenti, nazionali o locali. Gli argomenti. Come presentarsi davanti alle telecamere e gestire le riprese. Valutazione delle caratteristiche di successo di alcuni programmi, spiegati anche dagli autori. Interviste a personaggi televisivi, che raccontano le loro esperienze.

IV SEZIONE: “Internet”

LEZIONE 18 – 22: Ricerca dei siti più consoni alle proprie esigenze. I corretti contatti via mail. Modi e tempi dell’invio della comunicazione telematica. Impostazione e gestione di un sito. Contenuti. Come rendersi visibili in rete. Case history, con la testimonianza dell’ideatore di uno tra i giornali on line dedicati all’alimentazione più visitati.

V SEZIONE: “Eventi”

LEZIONE 23 – 27: Briefing e creatività. Ideazione, direzione artistica e organizzazione di manifestazioni di diversa caratura (dalla sagra paesana al convegno nazionale). Verifica della fattibilità e dei costi del progetto. Come pianificare. Individuare protagonisti e relatori idonei al caso. Come e a chi diffondere la notizia dell’evento. Case history.

VI SEZIONE: “Obiettivi”

LEZIONE 28 – 32: Lo stile comunicativo nell’ambito della nutrizione, compresi i termini e le regole. Comunicare il prodotto, l’azienda o se stessi. Strategie. La pubblicità. Le Pubbliche-Relazioni. Riepilogo. Un nuovo strumento: il teatro di comunicazione (ovvero performance teatrali mirate, dal vero o in video, opera di una compagnia formata da psicologi, esperti di marketing e nutrizionisti). Approfondimenti (anche su richiesta degli studenti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.