La disciplina

L’uomo è la creatura del desiderio e del bisogno, e questo si manifesta anche nella volontà di voler rinnovare continuamente i suoi beni, di ristilizzarli, di vederli proposti con un aspetto sempre nuovo. Così, nei più differenti contesti culturali, più gli oggetti e le rappresentazioni che si istituiscono intorno ad essi sembrano essere privi di una funzione pratica, più questi sono ambiti dall’uomo e vengono investiti di significati simbolici.

Il punto d’intersezione tra “abito-corpo-cultura”, diventa una nicchia straordinaria di sperimentazione dei linguaggi, dei significati di un universo immaginario di molteplici scenari.?Il ripercorrere le trame di tale idea apre un nuovo modo di vedere gli attuali sconfinamenti e ibridazioni della moda e del design i cui ambiti non sono più separabili, ma prendono avvio dal processo sociale e mediatico in cui circolano forme e flussi e s’intrecciano con l’ambiente, i media e la rete.

Analizzando attraverso la moda e il design i mutamenti in atto che ridefiniscono il mondo nell’era della comunicazione e delle nuove tecnologie, si pone l’attenzione sulle forme dell’estetizzazione rivestite di volta in volta di nuovi significati simbolici, mettendo in luce le grammatiche iconiche-sensoriali-relazionali.

Obiettivi

Il corso intende fornire gli strumenti teorici e metodologici per una lettura antropologica della moda e del design mettendo in evidenza la progettazione del corpo, il senso antropologico dell’ornarsi, del vestirsi e dell’abitare lo spazio.
Inoltre, descriverà gli strumenti per una metodologia della ricerca diretta a cogliere i mutamenti dell’uomo e dell’attuale società quale nuovo modo di sentire e di essere nel mondo

Programma

Il corso è articolato in tre parti:

1)    Parte istituzionale 
Introduzione alla disciplina dell’antropologia (culturale, sociale, fisico-biologica, linguistica);

2)    Parte monografica
Il senso della moda, il fenomeno della moda e del design secondo le valenze antropologiche, sociologiche, comunicative e relazionali. L’affermazione del sé, la distinzione, l’identità;

3)    Parte metodologica
Esposizione dei principali metodi di ricerca antropologica (etnografia, osservazione partecipante e non, il paradosso dell’osservatore, questionari, interviste, focus group).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.